Progetti ed idee

Da molti anni, con tanta passione, ho l’onore di fare il Sindaco (prima Trivignano Udinese, poi Palmanova), cercando di mettere a disposizione la mia esperienza per il bene delle comunità che mi hanno scelto. Concretezza, tenacia e attenzione per chi è in difficoltà che vorrei poter portare in Parlamento, per il bene della nostra terra friulana, della Regione e di tutto il Paese.
Non sono qui per fare promesse ma per dimostrare coi fatti ciò che è stato già realizzato.
Palmanova è Patrimonio Mondiale dell‘Umanità UNESCO. Una città che sta puntando ora molto sul turismo come fattore di crescita economica ed occupazionale. Ma anche una comunità unita, che si aiuta e che aiuta. Abbiamo dato contributi per permettere a tutti di pagare le bollette del gas, riattivato l’edilizia popolare senza consumare nuovo suolo ma riqualificando gli edifici esistenti, abbiamo gestito il fenomeno migratorio facendo lavorare, gratuitamente e volontariamente, i richiedenti asilo. Abbiamo semplificato la burocrazia comunale, ristrutturato scuole ed edifici pubblici, sistemato strade e marciapiedi rovinati. Poi i grandi eventi musicali, il Parco dei Bastioni pulito e le gallerie sono diventati un luogo per famiglie e turisti. Questa è la nostra IDEA DI PALMANOVA.
Di come una piccola città possa trovare sviluppo, benessere e qualità della vita, per tutti.
Così Palmanova, così tutto il nostro meraviglioso Paese. Un’Italia che ha bisogno di idee, concrete e realizzabili e che incidano in maniera forte sulla vita quotidiana delle persone, sostenendo le famiglie, le donne e i nostri figli, raddoppiando i fondi per il contrasto della povertà, investendo in infrastrutture e defiscalizzazioni sul costo del lavoro per consolidare la ripresa. Ma anche riduzione del precariato e maggiori garanzie per il futuro previdenziale dei giovani, sburocratizzazione e semplificazione dell’apparato e della grande quantità di leggi presenti, creazione di una società 4.0 dove mettere in rete Pubblica Amministrazione, famiglie e imprese. Una gestione più controllata del fenomeno immigrazione, la riduzione del debito pubblico e la lotta all’evasione. Una progressività fiscale (che è l’opposto della Flat tax) dove i poveri paghino meno e chi può paghi di più. Più risorse alla cultura, all’istruzione e alla formazione. Un’IDEA DI PAESE più giusto e più vicino a coloro che hanno bisogno.
Da Sindaco sempre vicino alle esigenze delle persone, vorrei riavvicinare i cittadini alle istituzioni dando valore alle idee, alla concretezza, all’esperienza e al senso di responsabilità.
Francesco Martines